sabato 4 luglio 2009

Sacro Graal

In tutto, la prima fonte del Sacro Graal, da cui letterariamente nasce l'avventura e il mistero del calice di Gesù, è racchiusa in un piccolo nucleo di romanzi prodotti in non più di una cinquantina d'anni (dalla seconda metà del XII secolo alla prima del XIII). Eppure da allora se ne parla e l'incidenza e l'influenza di questa figura mitica persistente - e cangiante: di volta in volta calice, piatto, pietra e altro ancora - dura quanto l'intero arco della civiltà occidentale europea.
Oltre che la fantastica cerca (i suoi episodi, le sue fonti, i suoi diversi significati) l'oggetto di questo vastissimo studio è appunto quella domanda: come mai una così ingombrante e radicata presenza? Per rispondere l'autore compie del Graal un'esplorazione spettacolare, minuziosa, spericolata verrebbe da dire per la quantità di luoghi visitati (cartacei, ideologici, religiosi, geografici, storici, letterari).
Renda è uno studioso di impostazione junghiana, per cui a sorreggere il suo sforzo di ricerca di una vastità più unica che rara, vi è la considerazione del Sacro Graal come di una realtà, poiché ogni fenomeno psicologico è vero e reale per lo psicologo analitico; una realtà viva più di un oggetto materiale, per la sua ricchezza di cause e circostanze, nell'universo dell'Inconscio collettivo.«Forse il Sacro Graal e le sue leggende rappresentano il tentativo dell'umanità del tempo di "costruire" una nuova mitologia inerente, in maniera più o meno simbolica e occulta, ai valori del mondo cristiano, pagano, musulmano ed ebraico (cioè di tutto il mondo allora conosciuto).
Una sorta di "griglia mitologica" dove inserire contenuti pagani che la tradizione popolare, convertita al Cristianesimo, non poteva cancellare del tutto, e valori ebraici e musulmani che solo attraverso la simbologia potevano, per quanto velatamente, essere trasmessi in un mondo sempre più cristiano».

Emilio Renda (Mazzarino, Caltanissetta, 1952), psichiatra di formazione junghiana, si è occupato a lungo di tossicodipendenze. Vive e lavora a Verona. Ha scritto Droga. Immaginario e realtà, Armando, 1999.




Emilio Renda

Il Sacro Graal.

Tra mito, leggenda, letteratura e storia


Anno: 2006


Prezzo . Euro 34,00


860 pagine

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Buon pomeriggio,

mi ha fatto molto piacere discutere con Edward T.: è una persona acculturata ed affabile.Mi ha fatto anche piacere sapere che voi due siete amici e vi vedete spesso. Non è molto bravo a porre domande e, alla fine, si è un po' incartato....
Me lo saluti, comunque.
Cordialmente,
Titanus

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

Salve,

non so a cosa si riferisce...

R.C.

Anonimo ha detto...

Ma come? Non si ricorda più di quando andò nell'isola di Gozo...o in quella vicina?

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

Lei si sta confondendo...

Dei miei viaggi a Malta lei non sa un fico secco.

un inchino

roberto

Anonimo ha detto...

FICO SECCO? SI, NON CI AVEVO PENSATO: L'ASPETTO E'QUELLO.
MI SALUTI EDDY.

Il Templare (Ricerca & Conoscenza) ha detto...

... effettivamente fa molto caldo...

ossequi

R.C.